Pioggia di proiettili

La chiamano Guerra,

BcRMNu5CcAA9b2M

quella grande menzogna 

che l’uomo combatte per cielo per terra

e colpisce chi da poco ha portato la cicogna.

 

Bambini indifesi

incapaci di capire cosa sia tutto questo,

che essi siano israeliani o palestinesi

non hanno deciso loro di vivere in quel contesto.

 

Nell’età dell’innocenza 

non ci sono scuse o apologie,

uccidere bambini è pura delinquenza

non trovo parole per descriverlo in altre vie.

 

Inseguendo un pallone,

gli infanti giocano in spiaggia

quando avvolti da un polverone

si ritrovano sotto la pioggia.

 

Né acqua né grandine,

dal cielo cade metallo rovente!

Per alcuni questo non è un crimine,

ma la guerra si è preso un altro bimbo innocente.

[E.S.]

Israel-Palestine

Non ci sono parole per descrivere lo strazio che i civili palestinesi e israeliani stanno subendo per una guerra, decine di bambini uccisi nelle loro case, per le strade, nella spiaggia. Con una poesia non si spiegherà una guerra e non si salverà il mondo, ma esprimerà uno stato d’animo. Sperando in un mondo migliore, in cui non si toccheranno più i bambini, il nostro futuro, coloro che non hanno deciso nulla su come debba girare il mondo.

#NoMoreWar #IsraelPalestine